29

agosto

Krav-Maga-Logo

Cos’ è il Krav Maga

Letteralmente significa “combattimento a corta distanza” o “lotta a contatto”. Il Krav Maga è un sistema codificato, reale, pragmatico, efficace e di veloce apprendimento che addestra ad una reazione logica e rapida in caso d’aggressione.
Il KM insegna ad affrontare i reali pericoli della strada tramite un’immediata valutazione della pericolosità dell’aggressione, attraverso la messa in pratica dei tre fondamentali concetti che lo contraddistinguono:

SEMPLICITA’
movimenti semplici e naturali sono quelli che hanno maggiore efficacia in un contesto di combattimento “reale”, al di fuori da coreografiche tecniche atte alla spettacolarizzazione di movimenti, che ne determinano il successo solo nella finzione cinematografica, ma non in caso di reale pericolo.

VELOCITA’:
la velocità nella reazione e/o contrattacco determina la validità della tecnica. Quando si è aggrediti non si ha molto tempo per pensare.

EFFICACIA:
il Krav Maga nasce appunto come strumento di difesa concreto, esso unisce tecniche di Aikido, Boxe, Karate, Judo, Ju-Jitsu, Jeet Kune Do, Lotta libera, in difesa della propria sicurezza.

A chi si rivolge

A tutti. Non è necessario possedere particolari doti fisiche o esperienze in altre arti marziali per praticare il Krav Maga con buoni risultati: è stato concepito per risultare adeguato a qualunque corporatura ed età. E’ oltremodo importante ribadire l’estrema adattabilità di questo metodo di difesa alle caratteristiche fisiche non solo maschili ma anche femminili, in quanto non si fonda sull’applicazione di tecniche basate sul rapporto peso-potenza, ma ha la peculiarità di neutralizzare l’avversario attraverso lo studio dei punti deboli e l’applicazione delle metodologie di combattimento atte a colpirle.
Considerando comunque che il Krav Maga si basa su tecniche atte a danneggiare in maniera reale un potenziale aggressore, (tecniche quindi di una certa pericolosità), l’accesso alle iscrizioni è consentito solo a persone che abbiano compiuto i sedici anni di età, in grado di discernere in maniera responsabile un’eventuale applicazione delle stesse.

Combattimento…ma non solo

Lo scopo di quest’arte di combattimento è di preparare il praticante non solo da un punto di vista fisico e tecnico, ma anche psicologico: attraverso il graduale contatto fisico con l’avversario, l’apprendimento dei metodi di difesa/attacco e la loro applicazione, il praticante vince il naturale senso di sgomento e/o impotenza di fronte a minacce causate da malintenzionati, di cui purtroppo le cronache riferiscono in continuazione. Il Krav Maga di per sè non è uno sport violento, in quanto non va certo a sublimare la gratuita applicazione di metodi atti ad offendere: piuttosto, attraverso la costante applicazione, porta ad un sensibile aumento dell’autocontrollo e dell’autostima, e conseguentemente, ad una maggiore predisposizione nell’ affrontare le situazioni difficili di qualunque natura alle quali siamo sempre più spesso sottoposti. Non sono inoltre da sottovalutare i benefici che si acquisiscono nel corpo, in quanto si ottiene una maggiore tonicità ed elasticità muscolare, il graduale accrescimento della forza, un sensibile aumento dei riflessi, una coordinazione motoria di livello superiore, vantaggi a livello circolatorio e di respirazione.

I principi del Krav Maga:

– stile moderno e pratico di self-defence.

– evitare di essere feriti

– propensione verso le tecniche che adottano i riflessi naturali

– studio dei punti sensibili e vulnerabili del corpo umano

– rafforzamento delle armi naturali del corpo

– uso di oggetti comuni per la propria difesa

– nessun limite e regola: per la difesa estrema di se stessi o dei propri cari, ogni mezzo è lecito.

Leave a reply